6 Novembre 2019

dog eating from owner`s hand

Abitudini alimentari del proprio cane/gatto: a cosa stare attenti

Nello scorso articolo abbiamo parlato delle tre abitudini del nostro amico a quattro zampe a cui dobbiamo stare attenti e di come saper comunicare un loro cambiamento al veterinario è importante.

Clicca qui per leggere l`articolo se te lo sei perso

Questa volta cercheremo di approfondire una di queste tre: l`abitudine alimentare.

Le domande base a cui è importante essere in grado di rispondere nel modo più accurato possibile sono:

Il cane non mangia, mangia poco, meno del solito?Da quanto tempo? Da una settimana o da un mese?

Queste, anche se sembrano informazioni semplici, sono notizie molto importanti, estremamente utili per il veterinario.

Perchè è importante dare informazioni esatte

In alcuni casi c’è la netta sensazione, che il proprietario si senta in colpa se la problematica va già avanti da un pó di tempo, e tenda a dichiarare un tempo minore

Non fatelo!

È molto importante dare delle notizie il più veritiere possibili. È evidente, infatti, quanto sia diverso se il cane/gatto mangia poco da una settimana o da un mese.

Se il cane/gatto mangia poco da un mese, questo giustifica il suo calo di peso; se invece è solo da una settimana, un calo importante di peso non è giustificato.

Questo vuol dire che la causa va ricercata in un altro problema che magari non è così evidente ma è la causa della sua riduzione di appetito.

Volete un esempio?

Lo sviluppo di un’insufficienza renale può determinare una perdita di proteine con le urine e quindi, nel tempo, un calo di peso del cane/gatto.

Se l’insufficienza renale si aggrava ulteriormente, l’urea eliminata con le urine viene trattenuta.

Ritorna quindi nel circolo sanguigno e determina infiammazioni delle mucose, dell’apparato digerente e quindi anche buccale, che comportano una diminuzione di appetito.

Tutte le informazioni possono essere utili

Anche notizie che possono sembrare banali, come un recente cambio di alimentazione, un alimento diverso dal solito fornito di recente, o persino una visita da parenti o amici da cui il nostro amico ha mangiato qualcosa di diverso possono essere valide cause di una perdita di appetito.

Importante è anche l’atteggiamento che l’animale presenta quando si avvicina al cibo:

Se non si avvicina al cibo, se si avvicina e poi non mangia, o se mangia un po’ e poi smette

Ognuna di queste situazioni può essere causata da patologie diverse e richiede naturalmente un trattamento differente.

Quindi?

Controllare regolarmente se il cane/gatto mangia e come si comporta quando si avvicina al cibo è una cosa importante.

Permette al proprietario di accorgersi precocemente di eventuali alterazioni e quindi di portarlo dal veterinario fornendogli le indicazioni corrette.

Cose semplici, ma molto importanti.

Ad Animal Care diamo molta importanza all`alimentazione che, se corretta, è un`ottima forma di prevenzione e protezione contro malattie.

Clicca qui per scoprirne di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Rating*