18 Marzo 2019

Blog thumbnail

Artrosi: Cos’è e come trattarla

Il vostro cane ha difficoltà ad alzarsi? Non vuole salire in macchina o fare le scale? Si stanca velocemente durante la passeggiata quotidiana?

Tutti questi sintomi possono farci pensare che forse soffre di artrosi.

Che cos’è l’artrosi?

L’osteoartrosi è una patologia molto frequente nei cani di taglia medio-grande.

Colpisce le articolazioni che progressivamente degenerano, peggiorando la qualità di vita del vostro amico

Il fatto che colpisce le articolazioni, ci fa subito capire, che l’animale inizierà ad avere difficoltà motorie: zoppie o difficoltà ad alzarsi, che si manifestano dopo che ha riposato alla fine di un’attività motoria.

All’inizio queste difficoltà, si manifestano raramente, per poi aumentare in frequenza e gravità.

Quindi, nelle forme iniziali, questa patologia si manifesta dopo che il cane ha riposato. Questo è un concetto molto importante!

Perchè è importante trattare il problema?

Se il proprietario riconosce i sintomi precocemente e porta il suo amico dal veterinario, ci sono maggiori possibilità che le cure diano ottimi risultati.

Il veterinario visiterà il cane e, se le sue condizioni lo permettono, lo sederà per poter eseguire i radiogrammi, che gli permettono di capire se l’osteoatrosi è presente e quanto è grave.

Questa patologia è cronica e progressiva, quindi peggiora nel tempo, portando ad un peggioramento delle condizioni articolari, con conseguente aumento del dolore.

Come funziona esattamente l’osteoartrosi?

Certo. Conoscere lo sviluppo di questa patologia, ci permette di lavorare assieme con maggior efficacia, aiutando il nostro amico a quattro zampe.

Tutto inizia da un processo infiammatorio con alterazione delle caratteristiche del liquido e della cartilagine articolare.

Questo comporta una riduzione/perdita della loro capacità di ammortizzazione.

La cronicizzazione del processo provoca alterazioni ossee (visibili radiograficamente) e conseguente dolore che porta a una riduzione del movimento.

Come si capisce se il cane soffre di artrosi?

Come abbiamo detto precedentemente, la presenza di difficoltà motorie, anche saltuarie, è già un buon indizio.

Poi una visita dal veterinario che probabilmente sottoporrà il vostro cane a degli esami diagnostici, radiogrammi e prelievi di liquido articolare, darà la prova finale

Quanto soffre il cane?

L’artrosi è un processo cronico che determina un dolore articolare più o meno grave.

Il cane generalmente non emette guaiti, ma il fatto che zoppichi, anche saltuariamente, è un segno che ci fa capire che il cane soffre.

Questo dolore, che generalmente presenta una lieve intensità continua, in alcuni casi si acutizza, (dopo una corsa, un’attività motoria intensa) determinando zoppia o difficoltà nel movimento.

Quali sono le soluzioni?

Oltre a rivalutare le condizioni generali (peso del cane, attività) una delle possibili terapie iniziali, generalmente è l’utilizzo di antinfiammatori e antidolorifici.

Essi determinano una diminuzione dell’infiammazione e una riduzione del dolore.

Tuttavia, l’utilizzo di antinfiammatori per lunghi periodi di tempo, può determinare un’irritazione intestinale o, nei casi peggiori, alterazioni della funzionalità del fegato o dei reni.

Ci sono altre possibilità?

Esiste la possibilità di un trattamento articolare, che consiste nella somministrazione di cellule staminali direttamente all’interno delle articolazioni con artrosi.

Oltre a ridurre l’infiammazione, le cellule staminali inducono la produzione di cartilagine articolare, ricreando un ambiente dove le articolazioni possono funzionare al meglio.

Ma i vantaggi di questo trattamento non finiscono qui…

Altri vantaggi delle cellule staminali

Le cellule che si iniettano a livello articolare sono cellule prelevate al cane stesso.

Quindi, se il procedimento del prelievo e della somministrazione viene eseguito in sterilità non c’è la possibilità di trasmissione di malattie o problemi di rigetto.

E’ inoltre un trattamento poco invasivo (penetro in articolazione solo con un ago) e i suoi risultati durano per molti anni.

A cosa devo stare attento dopo il trattamento?

Non ci sono particolari attenzioni da avere dopo un intervento con le cellule staminali.

Il cane può infatti continuare a fare una vita regolare; è solo consigliabile nel mese seguente non sottoporre il vostro amico ad un’intensa attività motoria, per permettere alle cellule staminali di svolgere la loro azione in un’ambiente non particolarmente infiammato.

La nostra esperienza con le cellule staminali

Noi abbiamo iniziato ad utilizzare le cellule staminali otto anni fa, incoraggiati dalla lettura di diversi articoli di autori che riportavano la loro esperienza positiva su migliaia di cani e cavalli.

In questi anni, in collaborazione con il laboratorio VIVABIOCELL, abbiamo trattato un centinaio di cani di età diversa, con quadri di artrosi di diversa gravità.

I risultati ottenuti sono stati più che soddisfacenti, convincendoci che i trattamenti con le cellule staminali sono un’ottima arma contro l’artrosi nei cani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Rating*