3 Ottobre 2019

Blog thumbnail

Prendersi cura di un Pet migliora la salute?

Vivere col nostro Pet ci fa stare bene; noi lo sentiamo, lo sappiamo, ma gli scienziati desiderano dimostrarlo.

Per questo da decine d’anni studiano i vari aspetti della nostra salute sui quali la convivenza con un Pet apporta benefici e i dati ormai ci sono.

Quali sono i benefici per la salute?

La salute è il benessere fisico e mentale associato a una sensazione di integrazione sociale.

Ebbene, chi vive con un Pet trascorre più tempo all’aria aperta, ha più occasioni di svolgere attività fisica e di incontrare persone.

Questo comporta molti benefici sull’apparato cardiovascolare e sul metabolismo lipidico e glucidico, ovvero miglior controllo della pressione arteriosa, del colesterolo, dei trigliceridi e della glicemia.

Vi sono addirittura dati che segnalano una minor incidenza di malattie cardiovascolari e un aumento della sopravvivenza dopo un infarto nei possessori di un Pet.

Infine, è ormai assodato che possedere un Pet offre occasioni di interazione sociale, riduce la sensazione di solitudine e migliora il tono dell’umore, insomma fa stare meglio anche psicologicamente.

E per chi sta male?

Sono numerosi gli studi che confermano che la compagnia di un piccolo amico, porta a una riduzione di stress e ansia correlati alla malattia e all’aumento della soglia di sensibilità al dolore, consentendo di sopportare meglio il dolore fisico.

È proprio per questo, infatti, che si moltiplicano le esperienze di introduzione degli animali nelle corsie di ospedale.

E con le allergie dei bimbi?

I bambini che hanno la possibilità di convivere con un Pet nel primo anno di vita presentano una minor incidenza di malattie allergiche.

Questo avviene perchè il sistema immunitario risulta meno sensibile agli allergeni negli anni successivi.

Insomma, evviva i nostri amici a quattro zampe!!

I nostri amici a quattro zampe spesso riescono a capire quando siamo tristi, felici, arrabbiati, insomma a leggere le nostre emozioni. Ma come fanno?

Clicca qui per leggere il nostro articolo dedicato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Rating*