7 Agosto 2019

abbandono

Sindrome dell’abbandono

Quando usciamo di casa il nostro cane non è mai felice perchè è un animale da branco e quindi soffre moltissimo la solitudine.

Quando è lasciato solo puó adottare comportamenti distruttivi e a volte anche autolesionistici.

Per questo è importante abituare il tuo amico fin da piccolo. Bisogna cercare di non fargli associare comportamenti come il mettersi la giacca o le scarpe all’uscita.

Un trucco è mettersi e togliersi la giacca mentre si è in casa, dirigersi alla porta e far finta di star per uscire senza poi però farlo davvero.

Poi col tempo bisogna fargli capire che quando c’è, il tuo distacco è solo temporaneo e che poi torniamo.

Per abituarlo a questo si può iniziare facendo uscite brevi e poi sempre più lunghe, cercando sempre di rientrare prima che inizi a protestare abbaiando o miagolando.

In questo modo col tempo il tuo amico smetterà di connettere il fatto che ti vesti ed esci con il rischio di non rivederti.

Sapendo che comunque poi torni presto sarà più tranquillo quando non ci sei, fiducioso del tuo ritorno.

Un altra strategia è anche preoccuparsi che il tuo amico abbia qualcosa da fare durante la tua assenza.

Giochi come il kong per i cani o il tiragraffi per il gatto sono ottimi passatempi che lo tengono piacevolmente occupato.

Aumentare sia il numero che la durata delle passeggiate, soprattutto per il cane, può anche essere utile.

Queste permettono al tuo amico di distrarsi e sfogarsi, essendo poi meno agitato al ritorno.

Il tuo amico ti ruba e scappa con ciabatte, fazzoletti, persino buste della spazzatura, magari mostrando atteggiamenti aggressivi quando cerchi di riaverli indietro? Potrebbe trattarsi di aggressività possessiva.

Scopri cos’è questo problema comportamentale e come si può prevenire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Rating*